Per quanto l’inglese americano derivi naturalmente dall’inglese britannico, nel corso del tempo l’americano si è evoluto in una lingua propria con delle specifiche peculiarità. Non bisogna inoltre dimenticare che le lingue parlate sono simili ad organismi viventi e che, quindi, nel tempo vanno incontro a un’evoluzione interna in grado di apportare modifiche anche profonde rispetto alla lingua originaria.

Per questi motivi l’inglese americano ha sviluppato delle differenze fonetiche e grammaticali rispetto all’inglese britannico. Mentre alcune sono di impatto piuttosto scarso, e non ostacolano la comprensione del discorso (soprattutto nel caso di un testo scritto), altre sono piuttosto marcate e potrebbero impedire a un parlante di comprendere alla perfezione un discorso pronunciato in un inglese differente da quello a cui è abituato.

Differenze tra inglese e americanoDifferenze fonetiche tra inglese britannico e inglese americano

L’inglese britannico tende a non pronunciare alcune lettere in fine di parola. È il caso ad esempio delle R, come nelle parole “butter” o “faster”. La lettera T è un po’ bistrattata dall’inglese americano, che tende a trasformarla foneticamente in una D, soprattutto quando si tratta di una T doppia al centro di una parola, esattamente come nel già citato “butter”, che si trasforma foneticamente in “budder” quando viene pronunciato. L‘inglese britannico tende invece a mantenere una pronuncia più dura della lettera T, che rimane quindi ben distinta dalla lettera D.

Quando si trova in fine di parola breve la T non viene pronunciata dagli americani, e viene assimilata alla N quando la precede, come nella parola “international”. Se a pronunciare questa parola è un inglese, la T sarà perfettamente udibile, mentre un americano la pronuncerà come “innernational”.

Per quanto riguarda la pronuncia delle vocali, quella della lettera A è quella che presenta maggiori differenze: l’inglese UK in genere pronuncia la A come una A, mentre in inglese US esiste un suono fonetico simile alla fusione di A ed E (e che i non madrelingua percepiscono foneticamente come una E) che viene utilizzato molto spesso. “Dance” si pronuncerà “dans” in inglese britannico e “dens” in inglese americano.

Parole diverse in inglese e americano

Alcune parole vengono scritte in modo leggermente diverso in inglese UK e US. Si tratta di alterazioni che non impediscono di intuire facilmente il senso del vocabolo, ma che possono dare qualche problema in caso di scrittura di un testo ufficiale o formale, nel quale non sarebbe opportuno scrivere una parola in maniera scorretta.

Tipici esempi sono, rispettivamente in inglese britannico e inglese americano:

  • colour / color = colore
  • theatre / theater = teatro
  • metre / meter = metro
  • organise / organize = organizzare

Alcune altre parole vengono invece completamente sostituite. Se l’inglese britannico utilizzerà la parola “holiday” per dire “vacanza”, l’inglese americano preferirà “vacation”. In Inghilterra le patatine fritte sono “chips” (come nel celeberrimo piatto fish and chips) mentre in americano sono “french fries”. I maglioni di lana sono “jumper” in inglese britannico e “sweater” per gli americani, che soprattutto a Natale fanno a gara di ugly sweaters (maglioni brutti).

Queste differenze terminologiche sono moltissime, ma in genere coloro che non sono madrelingua utilizzano le parole di entrambe le lingue come semplici sinonimi. Tuttavia, è bene tenere presente queste differenze, soprattutto in caso di traduzioni in inglese.

Leave a Reply